Pagina 33 di 47 PrimaPrima ... 23313233343543 ... UltimaUltima
Risultati da 321 a 330 di 466

Discussione: GENNAIO 21 : Partenza col freddo ..?'

  1. #321
    FISICO DELL'ATMOSFERA, RESPONSABILE SCIENTIFICO METEOLAND L'avatar di Andrew
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    VASTO - CH - 144 MT. S.L.M.
    Messaggi
    21,097

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Moval Visualizza Messaggio
    Buongiorno forum
    oggi alle 5 a Udine 0 gradi, ma con il vento da nord-est si percepisce già come un bel -4. Fine settimana confermato a livello di gelo, specie sulle adriatiche credo. Poi....poi rimo ta dei venti umidi da sud che porterà o pioggia più che neve in pianura, mentre lo 0 termico credo si alzerà di qualche centinaio di metri.
    poi?
    i modelli divergono, prof Andrew ammoniva già tempo fa che le previsioni a lungo termine sono limitate dal COVID, nel senso che le restrizioni influiscono anche sui rilevamenti, specie in alcuni paesi e sull’Oceano. Pertanto questa è la spiegazione di tali differenze tra modelli, pertanto non si può fare grandi azzardi al di sotto delle 72 ore oggi come oggi.
    Pero c’è anche chi conferma una nuova ondata gelida a cavallo tra il 25 e i primi di febbraio. Tesi da non trascurare affatto vista la dinamicità di questo inverno. se così non fosse non credo a chi vuole dare per fuoco di paglia i segnali visti fino ad oggi. Ricordiamoci sempre che statisticamente è febbraio nel nostro paese il periodo più propizio a freddo e neve anche a bassa quota.
    io punto una bella birra ale artigianale britiannica su un freddo moderato a fine gennaio, poi il clou in prima decade del nuovo mese.
    Aspetto una analisi professionale da Andrew, Fulvio e tutti voi.
    vi abbraccio
    M
    Non sempre Febbraio cara Moval, non sempre.. ... ..

    4 eventi a Gennaio 1905 ( di cui due che vanno narrati a parte con tutte le carte degli eventi, dall’inizio alla fine, perchè si tratta di un mese eccezionale con due delle più forti irruzioni mai avvenute in Italia del secolo scorso)
    2 eventi a Febbraio 1905.

    Anni 40' - decennio ricco d'eventi :
    3 eventi a Gennaio 1947 (mese storico con fortissime ondate di gelo e neve su tutta Italia)
    4 eventi a Gennaio 1945 - 5 eventi a Gennaio 1942 -

    Il 44' spicca x eventi in Febbraio :
    6 eventi a Febbraio 1944 -

  2. #322
    FISICO DELL'ATMOSFERA, RESPONSABILE SCIENTIFICO METEOLAND L'avatar di Andrew
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    VASTO - CH - 144 MT. S.L.M.
    Messaggi
    21,097

    Predefinito

    E poi si deve pensare allo storico 85' , definito in letter. scientifica un DISASTRO NATURALE , E FU' IN GENNAIO :

    LOOK :


    Il gennaio 1985 è stato uno dei mesi più freddi della storia in Italia e in molte aree dell'Europa dal punto di vista meteorologico, con temperature ovunque abbondantemente al di sotto delle medie stagionali fino al giorno 17 per l'ondata di freddo che la caratterizzò assieme all'omonima concomitante "nevicata del secolo" nel nord Italia.
    Ed anche allora ci si sbagliava sulle sorti dell'Inverno , con uscite preventive di proiezioni SBALLATE e di MORTI PREMATURE DELLA STAGIONE.. .. .. .. .. ,,, ,,
    PROPRIO COME ANCORA ORA IN MOLTI FANNO .......VUOI DIVERTIRTI A LEGGERE ... ...?''
    GUARDA :
    Dicembre 1984: inizio d'inverno con temperature insolitamente miti ... ... .. ,,,, ,,,

    Nella prima parte del dicembre 1984, l'anticiclone russo-siberiano non si spinse oltre il mar Caspio mentre in Europa occidentale permanevano condizione d'alta pressione con centro sui Balcani, che determinava in tutta Italia temperature sensibilmente superiori alle medie stagionali. Perfino in Scandinavia, le temperature scendevano difficilmente sotto lo zero per un vigoroso flusso di correnti miti sud-occidentali che raggiungevano anche le alte latitudini europee (isoterme a 1500 metri del 1[1], 8[2] e 14 dicembre[3]). Ad esempio martedì 11 dicembre Torino Caselle registrò una massima di +17,6 °C, una massima che sembrava più tipica di marzo o aprile che non di dicembre (per dicembre la massima normale è di circa di +7 °C).
    Nell'ultima parte del mese, si approfondì un'intensa depressione a est della Sicilia (isobare del 25 dicembre[4]), che determinò insistenti piogge torrenziali sulle regioni joniche e in Basilicata, con neve sui relativi rilievi e nelle zone interne della Puglia; l'aria fredda richiamata da questa bassa pressione portò la neve anche in Lombardia (15 – 20 cm).
    Sembrava probabile che l'aria polare dell'anticiclone-russo siberiano potesse entrare dalla porta della bora direttamente nel Mar Mediterraneo, dove avrebbe colpito soprattutto le regioni adriatiche.

  3. #323
    FISICO DELL'ATMOSFERA, RESPONSABILE SCIENTIFICO METEOLAND L'avatar di Andrew
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    VASTO - CH - 144 MT. S.L.M.
    Messaggi
    21,097

    Predefinito

    5-9 gennaio: grandi nevicate su gran parte d'Italia -


    10-13 gennaio: Italia centrale ed Emilia-Romagna nel gelo -


    14-17 gennaio: nevicate eccezionali sull'Italia settentrionale e piogge intense al centro-sud -


    L'eccezionalità del gennaio 1985 può essere evidenziata sia nei valori minimi di temperatura raggiunti che, per molte località, sono i primati storici, sia per le nevicate che hanno interessato zone dove tali eventi sono più unici che rari.
    Nel centro-sud, le nevicate in pianura e lungo le fasce costiere interessano solitamente il versante adriatico e il sud peninsulare durante la discesa di aria fredda da nord-est, mentre il versante tirrenico centro-settentrionale rimane riparato dallo spartiacque appenninico che lascia il cielo sereno o poco nuvoloso con venti sostenuti di tramontana o grecale.
    Per assistere alle nevicate in pianura sul versante occidentale, deve verificarsi una situazione eccezionale come quella del gennaio 1985, con l'aria calda proveniente da ovest o da sud che scorre sopra la preesistente aria gelida al suolo (cuscino freddo). In queste condizioni, le temperature si mantengono prossime allo zero sia al livello del mare dove tende a scendere l'aria gelida, che alle quote superiori dove l'aria calda fa risalire le temperature che altrimenti sarebbero di gran lunga inferiori. Questa situazione, grazie anche all'umidità del Mediterraneo, determina nevicate intense a tutte le quote, pianure comprese.

    Ma l'uomo come al suo solito non impara quasi nulla da lezioni del genere. Ed io lo dico da qualche anno qui a MeteoLand - [ con riferim. a coloro che "gridano" sempre alla fine di tutto o all'inizio del niente.. ... ]

    ​Saluti vivissimi.


  4. #324
    FISICO DELL'ATMOSFERA, RESPONSABILE SCIENTIFICO METEOLAND L'avatar di Andrew
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    VASTO - CH - 144 MT. S.L.M.
    Messaggi
    21,097

    Predefinito

    Infatti m'han gia' bombardato gli occhi, con uscite sul nulla prox venturo.. .. .. ,,, ,,, ,,


    M'be', vorra' dire che alla fine della fiera, decideremo chi resta e chi va' ... ... ... .. ,,, ,, ,,, ,, ,[ pochi menagrami , x carita' ......che gia' la situazione non è granche'. ... ...]

  5. #325
    ESPERTO
    Data Registrazione
    Dec 2020
    Località
    ACUTO - FR -765 mt.s.l.m.
    Messaggi
    115

    Predefinito

    Buongiorno a tutti, Andrew secondo me ha perfettamente ragione sul discorso che bisogna stare entro le 92 h per essere "quasi" sicuri della previsione, ma ad oggi secondo te xhe sicuramente da esperto quale sei provi a delineare gli eventi futuri , c e una percentuale di massima che si verifichi non dico ovviamente un nuovo "gennaio 85" ma un evento che ce lo ricorderemo ? So che ti chiedo di sbilanciarti ma mi accontenterei anche d'un 50-50... grazie spero di essere stata chiara nella domanda un abbraccio a tutti

  6. #326
    avventura
    Guest

    Predefinito

    come non ricordare l'inverno 84/85, avevo poco più di 24 anni, beata gioventù, qui il freddo iniziò il 24 dicembre con una spolverata di neve, poco prima gran mitezza come ha ribadito Andrew, poi molta, molta neve e gelo, le temperature al mattino x vari giorni sempre sui 17/18 sottozero la notte, con una punta di -23, ma non ricordo se fu 11 gennaio o 13, comunque a casa l' ho segnato, misurato con un termometro al mercurio, che guardavo tutte le mattine verso le ore 7,30, quando prendevo l' auto x andare al lavoro.Ricordo che lungo la strada tutta ghiacciata, molte macchine e camion ferme perchè era congelato il diesel.Altra cosa se si toccava qualcosa di metallo , a mani nude c'era l' effetto colla, la mano tendeva ad attaccarsi.Qui alla fine della fiera ,caddero circa cm 200, ci tornai vicino nel 2012 cm 169.Bei ricord

  7. #327
    avventura
    Guest

    Predefinito

    comunque a me va bene un entrata dal rodano con una -5, ad 850 hPa, senza scomodare l' evento

  8. #328
    Neveneve1969
    Guest

    Predefinito

    Anche a me andrebbe bene.

  9. #329
    ADMIN AND WEATHER EXPERT L'avatar di Fulvio
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Località
    DOLZAGO - LC MT.298 S.L.M.
    Messaggi
    15,565

    Predefinito

    OUTLOOK WEEK END 16/17 GENNAIO

    Il quadro barico è caratterizzato dalla presenza in atlantico di una profonda figura ciclonica che faciliterà la risalita dell'anticiclone che in parte riuscirà a rintuzzare la colata artica. Nel week end l'ingresso di aria fredda porterà un generale calo delle temperature con qualche debole fenomeno solo nelle aree interne del centro a quote medie, ventoso ovunque. Da Martedì l'alta pressione riuscirà a scalzare l'aria fredda di provenienza orientale e farà rialzare le temperature di qualche grado un pò in tutta Italia, ma da Mercoledì un nuovo affondo atlantico che si concretizzerà entro il prossimo week end potrebbe riportare il maltempo, ma data la distanza temporale per il target e gli effetti vi rimandiamo ai prossimi aggiornamenti. Buon week end a tutti.


    Ultima modifica di Fulvio; 15 January 2021 alle 14:05

  10. #330
    FISICO DELL'ATMOSFERA, RESPONSABILE SCIENTIFICO METEOLAND L'avatar di Andrew
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    VASTO - CH - 144 MT. S.L.M.
    Messaggi
    21,097

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Francesca Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti, Andrew secondo me ha perfettamente ragione sul discorso che bisogna stare entro le 92 h per essere "quasi" sicuri della previsione, ma ad oggi secondo te xhe sicuramente da esperto quale sei provi a delineare gli eventi futuri , c e una percentuale di massima che si verifichi non dico ovviamente un nuovo "gennaio 85" ma un evento che ce lo ricorderemo ? So che ti chiedo di sbilanciarti ma mi accontenterei anche d'un 50-50... grazie spero di essere stata chiara nella domanda un abbraccio a tutti

    Quel S.W. fu' molto potente e l'area in cui si svolse [ strato/tropo ] fu' favorevole a noi in Eurozone. 2 condizioni non facilmente ripetibili, cmq monitoreremo ma son eventi quelli , non la normalita'.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •