Pagina 5 di 8 PrimaPrima ... 34567 ... UltimaUltima
Risultati da 41 a 50 di 78

Discussione: 1° OUTLOOK ESTATE 2020 : CALDA, MODERATA o FRESCA ? VEDIAMO...

  1. #41
    ESPERTO
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    cesate
    Messaggi
    144

    Predefinito

    l'itcz africano è ancora basso,quindi non penso che l'estate arriverà in anticipo sul mediterraneo,a parte questa settimana al sud con temperature caldissime per il mese di maggio,poi si ritornera alla normalità con frequenti fase instabili perturbate e temperature in diminuzione,quindi nella terza decade niente caldo.

  2. #42
    FISICO DELL' ATMOSFERA - RESPONSABILE SCIENTIFICO METEOLAND L'avatar di Andrew
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    VASTO - CH - 144 MT. S.L.M.
    Messaggi
    17,743

    Predefinito

    A NIAMEY IN NIGER, L'IST. FRANCESE DI METEOROLGIA HA IMPIANTATO UN LABORAT. PER LO STUDIO DEL MONSONE D'AFRICA O DI GUINEA, IL DNA CENTER-
    Per più di 2 anni, i ricercatori del laboratorio Montpellier HydroSciences (HSM, Montpellier) e il laboratorio di scienze ambientali ambientali (LSCE, Gif-sur-Yvette) hanno testato e convalidato una nuova tecnica per decifrare meglio il monsone dal eseguire nuove misurazioni isotopiche sul vapore acqueo nell'atmosfera. Grazie alla sua installazione a Niamey (Niger) nel campus dell'Università Abdou Moumouni, presso l'Istituto dei radioisotopi (IRI), l'origine, la storia e le interazioni che si verificano tra le varie masse d'aria che attraversano sopra Niamey si può dehullare con un approccio che presenta una maggiore sensibilità in vista dello studio complementare, ma più tradizionali, variabili meteorologiche. In un'intervista con Futura-Sciences, Françoise Vimeux, ricercatrice presso IRD e che lavora presso HSM e LSCE, parla di questa tecnica, ma anche del rapporto elaborato e presentato nella rivista Geophysical Research Letter (GRL), dopo 1 anno di utilizzo.
    Nuvola di polvere prima della pioggia sulla strada Wankama (Niger). L'agricoltura è la principale fonte di cibo nella regione del Sahel. È praticato da due terzi della popolazione attiva, e reso possibile dal monsone. © Luc Descroix, IRD
    Un laser per studiare il DNA del vapore

    "I nostri obiettivi ruotavano intorno al monsone, ma non solo il grilletto. Volevamo capire il funzionamento dei sistemi convettivi: come possono queste nuvole di tempeste prendere vita, rimanere e diffondersi in centinaia di chilometri da est a ovest in Africa? Volevamo anche informazioni su ciò che stava accadendo nella stagione secca. Ad esempio, qual è stata la disponibilità di acqua atmosferica e la circolazione atmosferica tra due periodi monsonici? ", Dice Françoise Vimeux. Al fine di raggiungere i loro scopi, i ricercatori hanno quindi messo in atto misurazioni della composizione isotopica del vapore acqueo contenuto nell'atmosfera e che sono state fatte in precedenza sull'acqua risultante dalle precipitazioni. Il vantaggio è ovvio, quindi non è più necessario attendere che la pioggia raccolga dati; l'informazione è continua! Questo nuovo approccio consente quindi di rilevare processi che non portano automaticamente alla formazione di temporali e che tuttavia potrebbero svolgere ruoli importanti sul monsone.

  3. #43
    FISICO DELL' ATMOSFERA - RESPONSABILE SCIENTIFICO METEOLAND L'avatar di Andrew
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    VASTO - CH - 144 MT. S.L.M.
    Messaggi
    17,743

    Predefinito

    Interazioni forti con climi nordici

    Per la prima volta, questo nuovo approccio ha portato a una quantificazione dell'importanza dell'evaporazione da gocce d'acqua che cadono in una coda di tempesta. Un risultato chiave perché questo processo provoca un raffreddamento dell'atmosfera e quindi l'apparizione di sacche fredde sul terreno che causano, a loro volta, la presenza di correnti ascensionali di fronte alla tempesta. Tuttavia, partecipano alla propagazione dei grani. Grazie a una migliore comprensione di questo fenomeno, sarà possibile migliorare i vari modelli di questo fenomeno, fonte di incertezza nei modelli climatici.I risultati ottenuti al di fuori della stagione dei monsoni sono altrettanto ricchi di informazioni come dice Françoise Vimeux. " Abbiamo dimostrato che esiste una forte interazione tra il clima del Sahel e il clima delle più alte latitudini, ad esempio in Nord Africa. In questa regione ci sono discese in alta quota, molto importanti nella stagione secca. Con il vento da nord a sud, queste masse d'aria, trassotiche marcate in composizione isotopica, vengono portate nel Golfo di Guinea. Li abbiamo rilevati principalmente a gennaio e febbraio, ma sembrano arrivare anche a marzo e ad aprile. Questo è interessante perché tutti i cambiamenti climatici nelle regioni del Mediterraneo potrebbero avere un impatto nelle regioni del Sahel. Queste intrusioni di massa d'aria portano umidità, in modo più o meno costante. La loro accentuazione o scomparsa potrebbe forse giocare un ruolo nella tempistica dell'inizio del monsone poiché è preparata in primavera e richiede il vapore acqueo nell'atmosfera per iniziare. Pertanto suggeriamo che il clima della regione al confine con il Golfo di Guinea potrebbe essere sensibile a ciò che sta accadendo in altre condizioni. "

  4. #44
    FISICO DELL' ATMOSFERA - RESPONSABILE SCIENTIFICO METEOLAND L'avatar di Andrew
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    VASTO - CH - 144 MT. S.L.M.
    Messaggi
    17,743

    Predefinito


  5. #45
    FISICO DELL' ATMOSFERA - RESPONSABILE SCIENTIFICO METEOLAND L'avatar di Andrew
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    VASTO - CH - 144 MT. S.L.M.
    Messaggi
    17,743

    Predefinito

    E' ancora troppo presto………., minimo tra fine mese/ giugno[meta']-

  6. #46
    FISICO DELL' ATMOSFERA - RESPONSABILE SCIENTIFICO METEOLAND L'avatar di Andrew
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    VASTO - CH - 144 MT. S.L.M.
    Messaggi
    17,743

    Predefinito


  7. #47
    FISICO DELL' ATMOSFERA - RESPONSABILE SCIENTIFICO METEOLAND L'avatar di Andrew
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    VASTO - CH - 144 MT. S.L.M.
    Messaggi
    17,743

    Predefinito

    Cambiamenti orbitali[modifica | modifica wikitesto]


    I cicli di Milanković nell'ultimo milione di anni.

    Il periodo umido africano viene attribuito ad un aumento dell'insolazione estiva nell'emisfero boreale.[82] A causa della precessione, varia la stagione in cui la Terra si trova al perielio, cioè al punto di minima distanza dal Sole, e il massimo dell'insolazione estiva si ha quando questa situazione capita durante l'estate boreale.[84] Tra 11 000 e 10 000 anni fa la Terra si trovava al perielio durante il solstizio dell'estate boreale e questo ha provocato un aumento dell'irraggiamento solare di circa l'8%,[1] con il risultato che il monsone africano divenne più intenso e si spinse fino a latitudini più settentrionali.[85] Anche l'inclinazione assiale diminuì nel corso dell'Olocene,[86] ma il suo effetto sul cambiamento del clima si manifestò in prevalenza a latitudini più elevate e non è chiaro se abbia influenzato anche il monsone.[87]Durante l'estate il riscaldamento solare è maggiore sulla terra del Nordafrica che sull'oceano, formando così un'area di bassa pressione che attira aria umida e precipitazioni dall'Oceano Atlantico.[1][88] Questo effetto fu rafforzato dall'aumentata insolazione estiva[89] producendo un monsone più vigoroso che riuscì a spingersi più a nord.[86] La forza di questa circolazione e le conseguenti precipitazioni possono variare fortemente in funzione dell'insolazione estiva, con effetti che arrivano anche fino alle zone dal clima subtropicale.[1]L'inclinazione assiale e la precessione sono due componenti principali dei cicli di Milanković; sono responsabili non solo dell'inizio e termine di un'era glaciale,[90] ma anche delle variazioni della forza dei monsoni.[87]

  8. #48
    FISICO DELL' ATMOSFERA - RESPONSABILE SCIENTIFICO METEOLAND L'avatar di Andrew
    Data Registrazione
    Jan 2013
    Località
    VASTO - CH - 144 MT. S.L.M.
    Messaggi
    17,743

    Predefinito

    Il riscaldamento del clima extratropicale durante le estati, sembra aver allargato verso nord la zona di convergenza intertropicale[101] con un conseguente aumento delle precipitazioni nell'aria sub-sahariana.[103]La temperatura della superficie del mare al largo del Nordafrica era aumentata in seguito ai cambiamenti dell'orbita della Terra e anche a causa della debolezza degli alisei; questo contribuì allo spostamento verso nord della zona di convergenza e comportò un aumento del gradiente di umidità tra la terra e il mare.[104][57] Al cambiamento ha contribuito anche il gradiente termico tra l'Oceano Atlantico più freddo in primavera rispetto alla massa del continente africano, e quello tra le temperature più calde a nord del 10º grado di latitudine rispetto al sud rimasto più fresco.[105]Le fluttuazioni della zona di convergenza intertropicale ebbero invece un effetto limitato sulla variazione delle precipitazioni nell'Africa orientale,[106][107] e non è certa la loro influenza sulle condizioni nella penisola arabica.[108]

  9. #49
    COLLABORATORE ESPERTO
    Data Registrazione
    May 2018
    Località
    Milano
    Messaggi
    497

    Predefinito

    Grazie Andrew, molto bello quest'ultimo articolo. Sembra che tutta la fascia sahariana diventa verde ogni 20000 anni circa. È in quel periodo che è iniziata la nostra civiltà, la grandi civiltà della mezzaluna fertile si collocano in quell'epoca infatti. Ricordo che anni fa visitai un posto incredibile e fantastico che risale al 9000 ac circa : Gobekli Tepe. Ora è un luogo brullo e desolato, ma le incisioni sui monoliti del sito dimostrano che all'epoca tutto quel territorio era verde e lussureggiante, tant' è che molti studiosi collocano in quella zona ed in quell' epoca, un presunto Eden. Tutto ciò non fa altro che dimostrare quanto il benessere umano sia legato al clima.

  10. #50
    ADMIN AND WEATHER EXPERT L'avatar di Fulvio
    Data Registrazione
    Aug 2019
    Località
    DOLZAGO - LC MT.298 S.L.M.
    Messaggi
    14,738

    Predefinito

    Conferme dal NOAA, niente Nino (65%) per tutta l'estate e possibile NINA dal'autunno. buona notizia.
    Ultima modifica di Fulvio; 14 May 2020 alle 22:38

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •